SALUTE

Un nuovo ecografo dalla Lilt all’ospedale alessandrino

Assicurerà diagnosi più precise e minori tempi di attesa.

Tempi di attesa più brevi e maggiore sicurezza sulle diagnosi: saranno rese possibili dal nuovo ecografo, Ecodoppler multidisciplinare Mylab Seven Ehd donato dalla Lilt (Lega Italiana per la lotta contro i tumori), sezione provinciale di Alessandria, al reparto di Oncologia dell’ospedale alessandrino, al termine della campagna fondi organizzata dall’associazione nel 2016. L’uso dell’ecografo permetterà di accelerare la diagnosi di condizioni cliniche acute e di rendere più appropriato il ricorso a esami di secondo livello. Un utilizzo importante dell’ecografo è la ricerca di accessi venosi profondi per il posizionamento dei 'picc' (i cateteri venosi centrali a inserzione periferica). Il picc, a sua volta, viene usato per infusioni prolungate (come la nutrizione parenterale) o la chemioterapia. La disponibilità dell’ecografo in reparto contribuisce a rendere tempestivi e appropriati gli accertamenti e le cure del paziente oncologico, migliora la qualità della valutazione clinica e riduce i tempi di attesa.
La consegna all’ospedale alessandrino è avvenuta nei giorni scorsi, preceduta dall’intrattenimento musicale a cura dei Moon Walker Jazz Band e conclusa con un aperitivo realizzato grazie alla collaborazione dell’associazione Bios Donne operate al seno.